Maremma, proprio “Pet Sematary” dovevo iniziare a leggere?

pet sematary.jpgFinita la decorazione della torta per domani, che, devo dire, è venuta belloccia, mi sono buttata sul letto a scrivere sul mio quaderno (ovvero quello che da bambine si chiamava il “diario segreto” ma che da grandi si chiama “quaderno” che fa molto figo, fa molto Hemingway). Ecco che arriva il micione nero, che naturalmente, di tutto il lettone, sceglie di sdraiarsi proprio sulle pagine del mio quaderno.

Ok, ti faccio le coccole. Non ti ho considerato tutto il giorno, ora tocca a te. E poi sei così morbido e tenero. E così lui accende il suo trattore di fusa, mentre io lo accarezzo, teneramente. Poi basta, si stufa,  forse, o forse decide che invece delle coccole preferisce giocare alla lotta greco romana, fatto sta, che morde la mia mano, me la blocca, mentre con le zampe prende a graffiarmi simpaticamente. Lo fa spesso, ormai lo conosco, non mi arrabbio mica più.

Io me ne vado e lo lascio lì, così si calma. E così la mia mano evita di morire dissanguata, magari.

Me ne vado in salotto a guardare un po’ di tv. Che poi, si fa per dire, eh, che in tv non c’è mai niente di decente e mi stufo subito. QUello di cui avrei davvero voglia è andare a letto a leggere. 

Ora, mi chiedo: ma chi diavolo m’ha fatto venire in mente di iniziare a leggere un libro di Stephen King sui gatti neri? Secondo voi, come posso affrontare quelle pagine angoscianti, inquietanti e da incubi sola in casa e con un gatto nero incattivito acciambellato accanto a me???

Facciamo che mi godo lo schifo in tv, eh, che i nervi proprio non mi reggerebbero.

Maremma, proprio “Pet Sematary” dovevo iniziare a leggere?ultima modifica: 2012-04-30T22:35:00+00:00da sissiblues
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Maremma, proprio “Pet Sematary” dovevo iniziare a leggere?

Lascia un commento