Ubiquità

Che brava che sono, a infilarmi nei casini. Mi sono creata i presupposti dell’ubiquità, ma senza averne la capacità. Svolgere due lavori contemporaneamente in due posti diversi. Che agli uni ho detto sì, agli altri ho detto no, ma non ne vogliono sapere di lasciarmi andare. Almeno fino a quando non ho trovato un sostituto. Ora voglio proprio sapere come … Continua a leggere

Baciami ancora..sul parquet

Vi ho detto una bugia. Avatar non l’ho visto. Ma non l’ho detta apposta, eh, la bugia, lo volevo davvero vedere, ma poi è inspiegabilmente successo che il divano mi ha attirato a sè con un trabocchetto ed io ci sono cascata dentro. Ma per rimediare oggi pome sono stata con la mia scimmietta a vedere Baciami Ancora. Storie di … Continua a leggere

Il sabato della sedia

Ovvia, è sabato oggi, basta pensare al lavoro e a tutte le complicazioni in cui mi sono cacciata da sola. Che poi alla fine la famosa proposta l’ho accettata, eh, ma insomma, le cose non sono molto semplici. Comunque ci pensa già la mia agitazione notturna a farmici rimuginare abbastanza, su come uscirne salvando capre e cavoli. E alla fine … Continua a leggere

Un’altra scelta professionale.

Ecco, dopo che ho aspettato 5 mesi il famoso colloquio, me lo hanno fatto oggi anche con un giorno di anticipo. E tanto funziona sempre così, che mi trovo un lavoro, mi ambiento, mi piace, sono felice, e ecco che mi arriva una super proposta. Speravo quasi che fosse una proposta scadente, così non avevo neanche da preoccuparmi. E invece … Continua a leggere

Influenza..

E ne sono successe di cose da queste parti, ed io che faccio la pigra, me le lascio da scrivervele tutte insieme. La prima cosa è che venerdì ho finito “Harry Potter e la Camera dei Segreti”, davvero davvero carino (vi lascio leggere la mia mini recensione su Anobii). Sabato giornata dedicata completamente all’arredamento della casa nuova: siamo usciti alle … Continua a leggere

La pulce nell’orecchio

E le cose clusterizzano, scusate se mi ripeto, ma è una verità assoluta. Eh, che dire, sono stata mesi annegata nella desolante e deprimente disoccupazione, e poi, tadà, appena mi trovo un lavoro ecco che ne spunta subito fuori un altro a mettermi la pulce nell’orecchio. Bè, questo è quel famoso colloquio del giorno che mi avevano dato vuoto e … Continua a leggere

Bici smontata

Mi si è smontata la bicicletta. Mentre stavo pedalando, eh. Che inizio a sentire prima un ciottolìo, poi i pedali che ondeggiavano fuori asse neanche fossero ubriachi. Ma pensavo, ce la faccio lo stesso, pedalo storta, ma ci arrivo a casa. E invece no. A metà strada patatrac e mi si smonta la catena. Voglio proprio sapere quando ce la … Continua a leggere

Il Piano Infinito

Erano tanti anni che non leggevo un libro dell’Allende. Poi qualche giorno fa, mia mamma lo ripesca nella sua libreria e me lo mette in mano dicendomi “Leggilo, leggilo, che è bellissimo”. E’ uno di quei libri che io, a guardare la figura della copertina e a leggere la trama, non l’avrei mai scelto. Ma avrei fatto proprio un grave … Continua a leggere

Una domenica diversa

Una domenica un po’ diversa rispetto al solito. Sostituita da una paella e una torta della nonna. Che ci volete fare, a volte chi la ferma la gola. Nel pome mi sono tuffata in libreria e devo dire che ne sono uscita con due libri in mano in un tempo assolutamente rispettabile. E devo ringraziare molto Anobii, se ora riesco … Continua a leggere